Vladimir Luxuria, com’era prima? Ecco le foto del com’era prima della trasformazione…

Advertisement

E’ la trasgender più famosa d’Italia, Vladimir Luxuria, un tempo si chiamava Wladimiro Guadagno, dopo la sua trasformazione ha deciso di varcare le porte dello spettacolo e della politica. coduttrice, scrittrice, attrice ed anche ex parlamentare, si è battuta per i diritti delle persone Glbt.

E’ un personaggio molto discusso, ma anche molto amato dal pubblico italiano. Nasce nel 1965, ma da quel momento, molte cose sono cambiate, ha intrapreso un cammion che l’ha condotta alla trasformazione da Wladimiro a Vladimir.

In realtà non ha portato a termine la trasformazione per diventare del tutto donna, per la fobia degli interventi. Qualche tempo fa in un’intervista ha confessato di aver tentato, ma a pochi giorni ci ha ripensato: “Ho paura, visto che è un’operazione molto dolorosa. Ma la verità è che non ero convinta. Lo avrei fatto per piacere più agli altri che a me. Sono contenta con la mia doppia identità. Passo sempre per battagliera. In realtà c’è una parte di me con la quale combatto sempre. Basta un’offesa sui social che la ferita si fa sentire”.

Ma com’era Wladimiro Guadagno? Ecco alcune foto che sono state pescate dal cassetto dei ricordi. Questa foto è stata postata da Vladimir Luxuria sul proprio profilo twitter.

Advertisement

vladimir-luxuria

Vladimir Luxuria ha il merito di aver rotto molti pregiudizi in una società davvero difficile come quella italiana. Vladrim è nata a Foggia, da sempre si è sentita donna. così ha costruito la sua immagine da attivista in prima linea per i diritti omosessuali mostrando un’immagine particolare di se stessa.

Un vero e proprio personaggio, dalla Mucca assassina alla tv ed infine anche in Parlamento. Negli anni la sua immagine è cambiata molto, cercando sempre di più il riflesso di donna che sentiva essere. Ecco altre foto di Wladimiro.

wladimiro

FONTE: Clickvirale

Advertisement
Se hai trovato interessanti i nostri articoli continua a seguirci. Se ancora non li hai visti CLICCA QUI per vedere gli ultimi articoli.