Ti sei mai chiesto dove finiscono le monetine che lanci nella Fontana di Trevi? Non lo immaginerai mai…

 
 
 

Uno dei monumenti più belli e importanti di Italia, che caratterizzano la nostra capitale, è sicuramente la Fontana di Trevi. Moltissimi turisti, ogni anno, fanno visita alla grande e antica fontana romana, lanciando (come vuole la tradizione) uno o più monetine con la speranza che il proprio desideri si avveri.

Il monumento affascina da secoli. Pensate che è nata nella seconda metà del XVIII secolo, ad opera di Nicola Salvi che, di certo non immaginava quanto questa fontana avrebbe affascinato nei secoli successivi, persone di tutto il mondo. La fontana, con la sua leggenda, racimola ogni anno gran belle somme di denaro.

Ma vi siete mai chiesti che fine fanno tutte le monetine che buttate alle vostre spalle? Tutti gli spiccioli raccolti (tra cui non solo euro), sono destinati ad enti specifici. Si parla di somme decisamente altine, sui tremila euro al giorno, per oltre un milione all’anno.

I soldini finiscono nelle mani di enti benefici e diventano un prezioso aiuto per i più bisognosi. Tutti i soldi raccolti, vengono impiegati in opere di beneficenza per indigenti, malati e senzatetto. Negli ultimi anni la destinazione dei fondi è stata sempre questa e continuerà ad esserlo fino a giugno 2017, quando questo accordo dovrebbe essere rinnovato.

Si tratta di tanti soldi che potrebbero anche stuzzicare l’appetito di altri enti. Lo stesso Comune, potrebbe avanzare pretese. Nell’ottobre del 2015, con Ignazio Marino, si era pensato di utilizzare quei soldi per sanare buchi di bilancio e coprire altre spese pubbliche.

A dare adito a questa ipotesi che preoccupa notevolmente la Caritas, era stato un provvedimento, approvato da quella Giunta, che rendeva il Campidoglio proprietario esclusivo di tutte le monete lanciate nelle fontane di Roma. Al momento le cose sono ancora così, niente è cambiato quindi lanciando una monetina non solo potremmo vedere realizzare uno dei nostri sogni ma potremmo anche fare una buona azione.

FONTE: Fanpage