La banca finisce per pignorargli anche la casa. La reazione dell’uomo lascia tutti senza parole…

Advertisement

Quello che è successo a quest’uomo ha sconvolto il mondo. Lui, originario di Lovech, Bulgaria, non poteva permettersi più di vivere nella casa che aveva comprate grazie ad un mutuo perché aveva perso il lavoro. Per tale motivo, la Banca aveva avviato le pratiche per il pignoramento del bene: l’uomo avrebbe dovuto lasciare la sua casa.

La cosa particolare, che ha spinto l’uomo a reagire malamente al pignoramento del suo bene, è il fatto che l’abitazione era stata edificata su un terreno che non era incluso nel muto. Così la famiglia dell’uomo ha deciso di agire in questo modo: ha distrutto la casa, prima che il suo nuovo proprietario potesse abitarci.

Advertisement

Gli aveva intimato di dare le chiavi di casa all’acquirente che l’aveva comprata, ma questo ovviamente non è stato più possibile dato che è la stessa casa che è venuta a mancare. L’uomo ha speso tutti i suoi ultimi soldi per distruggere la sua vecchia casa, per la soddisfazione di non vedere le sue 4 mura abitate da altre persone.

L’uomo non si è limitato a distruggere casa sua, ma ha anche caricato tutte le macerie di un enorme camion e le ha trasportate fino alla banca, nella città di Teteven, proprio dove aveva iniziato il mutuo.

La reazione forte è più comprensibile se si fa un passo indietro nella storia: l’uomo si era recato in banca, qualche giorno prima, con tutta la famiglia, per chiedere implorando con tutte le lacrime a disposizione, il direttore per avere una proroga, di non buttarli fuori di casa.

Ovviamente, il direttore non ha voluto sentire storie: nessuna eccezione per chi non paga il mutuo! Non ha mostrato un briciolo di cuore, ma l’uomo ha trovato il modo di fargliela pagare. Vi immaginate la faccia del direttore e degli impiegati quando hanno visto il camion? Incredibile!

Advertisement
Se hai trovato interessanti i nostri articoli continua a seguirci. Se ancora non li hai visti CLICCA QUI per vedere gli ultimi articoli.