Quando lei aveva 9 anni le hanno detto che non poteva essere operata. Le sue foto stanno conquistando il mondo…

Le foto di Rebecca Dann hanno lasciato il mondo senza parole. Lei è una di quelle ragazze che conosce sin da piccolissima, il potere delle parole, di quanto esse possano fare male. Lei è una 22enne inglese, che quando era molto piccolo ha passato tanto tempo in ospedale.

idden; padding:8px 0 7px; text-align:center; text-overflow:ellipsis; white-space:nowrap;”>Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data:

Questa bella ragazza soffre di cifoscoliosi, una malattia che causa delle curvature anomale nella parte superiore della spina dorsale. I medici gliela hanno diagnosticata quando aveva appena 4 anni. Questa malattia non le ha permesso di vivere con le altre ragazzine. I ragazzini spesso non capivano i suoi problemi e, perché diversa, la escludevano, insultandola con l’appellativo “il gobbo di Notre Dame”.

Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data:

Operala per i medici sarebbe risultata assai azzardata come scelta. A 9 anni, questa ragazza ha saputo che la sua malattia avrebbe danneggiato anche i nervi, impedendole di camminare costringendola ad una sedia a sedere sulla sedia a rotelle per tutta la vita., Rebecca non si è mai data per vita, non ha mai accettato che la sua malattia la limitasse e dopo gli studi, ha inseguito il sogno di diventare una fotografa.

Ha studiato presso la scuola d’arte a Farnham e si è focalizzata su un tema a lei molto caro: l’ignoranza e l’atteggiamento sprezzante che regnano sulle disabilità, cose che lei, purtroppo, per esperienza personale, conosce benissimo.

Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data:

Il suo incredibile progetto fotografico  intitolato “I’m Fine” (“sto bene”), non è altro che una serie di autoritratti nei quali mostra il suo corpo, e anche la sua schiena, senza paura. La ragazzo ha rivelato:”Ha cominciato come un lavoro che indagasse il rapporto con la disabilità ed è finito per essere un lavoro grazie al quale ho accettato la mia diversità. È un modo per che mira a focalizzare l’attenzione sulla percezione della gente su bellezza e disabilità. Inoltre, dicendo alla gente che ‘sto bene’ li rassicuro sul fatto che sono esattamente come tutti gli altri”.

Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data:

Il suo lavoro è stato presentato  a un concorso chiamato “A World of Unfairness” (“un mondo di ingiustizie”) vincendo il primo premio, oltre che anche una grande fama.

Fonte: LittleThings, aplus, Perdavvero

Se hai trovato interessanti i nostri articoli continua a seguirci. Se ancora non li hai visti CLICCA QUI per vedere gli ultimi articoli.